giovedì 10 febbraio 2011

Abbracciamoci


Abbracci


Come raccontavo l'altro giorno, appena sbarcata a Milano ho iniziato a segnare sul mio bel taccuino tutte le differenze, le uguaglianze, i tic e le stramberie dei due cugini (oltralpe di qua e oltralpe di là).


Beh, sabato scorso ho avuto una illuminazione sulla strada di Damasco (era Corso Genova, ma non fa nulla).

Siete pronti per l'illuminazione divina?
  • A Milano la gente si abbraccia!
  • A Milano le coppie si danno la manina!
  • A Milano le coppie camminano a braccetto!
  • A Milano le coppie di 80enni passeggiano vicini, a fianco, sorreggendosi l'un l'altro. 
  • A Milano i bambini sono tenuti per mano dai genitori!
  • A Milano anche gli amici (magari uomini) passeggiano dandosi il braccio o tenendosi un braccio sopra le spalle!
  • A Milano si passeggia tenendo a braccetto la mamma (a Parigi ci guardavano strano. Chissà cosa pensavano).
  • A Milano la gente osa toccarsi.
  • A Parigi no.
Ora, non datemi della scema o della provocatrice. Vi scrivo quello che penso.
E la penso così: a Parigi si fa fatica ad avere contatti. Verbali e fisici.

Ehi, non che abbia voglia di andare in giro a toccare chicchessia. Naaa.
Ma a Parigi c'è una sorta di "muro di mattoni" davanti ad ogni persona, ed il tanto rinomato "Bonjour" è la cazzuola con cui il muro è assemblato.

Qui si parla e si conversa amabilmente con chiunque, volendo.

Nel negozietto, al bar, in lavanderia, dal panettiere, davanti a una vetrina.

Qui c'è una comunicazione diffusa che, ora me ne rendo conto, mi è mancata da morire.

Sono giorni che parlo e parlo e parlo e parlo. Con chiunque.
Una macchina di parole e frasi.

I miei amici e i genitori credo siano al collasso. Girano per casa con i tappi anti 45 decibel. Forse vogliono farmi capire qualcosa, non so.
Se non vi scoccia, invece di parlare, qui scriverò parecchio.

Nel caso, mettetevi i tappi da occhi da 45 parole.

ps. Questo post non fa ridere, ok. Ma non si può mica sempre eh...

Related Stories Widget by LinkWithin

12 commenti:

  1. In effetti è un po'triste pensarti a Parigi, tutta ingrottolita dal freddo, sola soletta con un cielo plumbeo che incombe!

    Potresti convincere il fidanzato a trasferirsi lui... o fare un mese qui uno li.

    RispondiElimina
  2. buoni gli abbracci!!
    ma io a milano ho sempre visto la gente di corsa e rispetto agli svizzeri che si baciano sulle guance 3 volte io sembro la nordica ; )
    oggi giornata stupenda..ti ho presa come esempio e ho fatto un po' foto del lago di Zurigo : )

    RispondiElimina
  3. Pingui,
    foto foto, vogliamo vedere le foto!
    Un ABBRACCIO a te!

    RispondiElimina
  4. Cara Ale, ma allora Napoli in confronto cos'è?
    No perché a Milano ci ho lavorato, in metro mi sembravano tanti soldatini, il "oooh ciao, carissssimo!" che si scambiavano i colleghi maschi poi dietro le spalle diventava spesso un ... ma vaffa!, competizione, competizione.
    A Parigi un'amica (la stessa che mi ha rivelato che vendono le calze già con i buchi ; ), magari la invito a fare un giro sul Michetta&Baguette) mi ha spiegato che le coppie non si tengono per mano o non si scambiano effusioni perché quasi tutti hanno l'amante e non vogliono correre il rischio che dal quai opposto possano essere beccati, perché Parigi è grande, ma non si sa mai. Ciaooo

    RispondiElimina
  5. Uh signur anonimo!
    Innanzitutto sono contenta che tu (o la tua amica) confermiate la mia tesi.
    Ma la storia dell'amante, capperi...
    Invita la tua amica a passare di qua e raccontarci TUTTO ma proprio TUTTO dei segreti di Paris.
    Siamo tuttorecchie :)

    RispondiElimina
  6. ps l'anonimo ero io Andrew... ciaoo

    RispondiElimina
  7. foto già messe online sul blog ; )

    RispondiElimina
  8. AnonimoAndrew,
    pfiuuuuu! Credevo fossi l'ALTRO anonimo (o anonima) che sa tutto su Parigi e i parigini.
    Mi hai fatto prendere uno spavento...eheh
    ps. Ti avevo riconosciuto ;)

    RispondiElimina
  9. Pinguina,
    corro a vederle, su Tra mucche cioccolata!

    RispondiElimina
  10. (scusa il disturbo)..ora comprendo un bel po' di cosette!!!tipo perché un paio di strani figuri hanno fotografato me&my-french-boyfriend:eravamo abbracciati ed era"insolito"!;)
    strano posto questo,dov'é bizzarro passeggiare abbracciati al proprio boy ed usuale "sbaciucchiare"un perfetto sconosciuto appena te lo presentano!
    in ultimo,ma non meno importante,grazie del tuo blog:é fantastico...e leggendolo(tutto di fila in un giorno!)mi son sentita meno sola qui in Baguettolandia! :)

    RispondiElimina
  11. Cara Chiacchiera!
    Tranquilla, non sei sola!
    Anche se io adesso sono rientrata a Milano, sappi che ti sono vicinissima e tutto quello che penserai (di bello o di malefico) sarà giusto. Sarà quello che stai vivendo. Sarà come la pensi. Quindi, se posso solo darti un consiglio personale, scrivi sul blog piuttosto che raccontare le stesse cose al fidanza francese! Ti giuro che la coppia ringrazierà ;) e la tua salute mentale sarà salva. Viva i blog! :)
    Scrivimi quando vuoi.

    RispondiElimina