mercoledì 19 febbraio 2014

Come Far Innervosire un Parigino


Cari Amici,
mi piacerebbe che questa potesse diventare una Rubrica Fissa, tipo La Posta del Cuore di Mina su Vanity Fair.
Come Far Innervosire un Parigino, azzardo, potrebbe diventare una Specialità Olimpica, per la prossima edizione. Per cui meglio allenarsi con cura.

Le modalità per fare innervosire un Parigino sono molteplici e sfaccetate, secondo la vostra lingua di base, il vostro Paese d'origine, la vostra propensione al turpiloquio, il vostro QI e quante sedute da uno psicologo (bravo) potete permettervi.

La loro reazione potrà spaziare da un : sguardo disgustato; alzata di spalle; giramento di spalle senza commento; fuga con gli occhi al cielo; "ohlala"; "c'est impossible"; la variante "c'est inacceptable" è stata notata recentemente; "tu te foutes de ma goeule" che è un po' "chè me stai à prende po' u' culo" italiano; "chiamo la polizia" (se non l'avete già pronunciata voi); "ah bon", che è un'espressione che va su tutto, come il nero.

Partiamo oggi da un esercizio semplice semplice. Alla portata di tutti.

 1) Esercita le tue scarse capacità linguistiche davanti a loro.
Fai conto che hai studiato Francese alle Medie. Se proprio hai avuto culo nel settore istruzione, al Liceo hai sfogliato ancora un paio di libri pieni di enigmatici accenti a punta e a capocchia.
Ma non ricordi più un emerito niente.
Però, in cuor tuo, tu SAI che sai parlare il Francese. Di più. Sei convinto che la tua pronuncia abbia una leggera cadenza Parigina (tra il 16ème arrondissement e il 17ème, per essere precisi).
Tu, le canzoni di Julio Iglesias, a memoria le sai.
Era Julio no...quello che cantava con quella bella R moscia, no?!
Boh vabbeh.

Quindi non appena sbarchi a Parigi, con il tuo innato entusiasmo Italiano, tu inizi a parlare con tutti : baristi, giornalai, commesse tignose, vecchiette alla fermata del bus, homeless ungheresi, addetti alla rumenta, financo il volontario attraversa-bambini. Lo vai proprio a tampinare sulle strisce pedonali quando scatta il verde, con il suo gilerino fosforescente e la paletta dei Playmobil.
"Mua gè parl Fransé, gè mappel Giulià vùs allé bien Antuanett a le né entrompet".

Beh, se hai fortuna ma proprio fortuna, il Francese-tipo ti guarderà come si guarda una pera muffa, e inizierà a parlarti in
INGLESE.
Il SUO Inglese, ovviamente, che è un insulto cacofonico alla lingua che parlano Hermione e Harry P.
Ma che lui considera spettacolare, malgrado le troppe Z.
"Zé laigt iz réd, iù cà nò pass zé strit nau. Zé càrs àr dangeraus".
Tu non desistere. La scusa delle auto è solo un bieco diversivo. Parlagli nel tuo mirabolante Francese, fai domande, interagisci. Dai sù !
Quando vedi che il tipo è pronto alle mani, fuggi e trova un'altra preda.
Rinizia il procedimento e affina le tue capacità moleste.
Qualche tip sparso :
  • Mi raccomando parla LENTAMENTE, chè loro hanno fretta e poco tempo da perdere. Li snerverai in un zic.
  • Se puoi porta una PIANTINA, chiendo indicazioni per una strada che si trova in un altro arrondissement, strada che quindi che non esiste per gli abitanti degli arrondissement confinanti.
  • Riformula più volte la stessa frase. Senza cambiare una virgola. Ancora e ancora. E SORRIDI.
  • Se non ti capiscono, azzarda un "Non mi capisce? Ah ma allora nemmeno lei parla il Francese! DI CHE ORIGINI E' LEI?"
Con quest'ultima frase hai probabilmente toccato il punto di non-ritorno, e hai guadagnato la tua prima medaglia del concorso : Come Far Innervosire un Parigino.

Complimenti !

Alla prossima puntata...


Related Stories Widget by LinkWithin

6 commenti:

  1. ..aspettando la seconda lezione...
    continuo a leggerti con piacere e a sentirti sempre piu' vicina!
    Sei bravissima!!!
    ma la volontaria delle strisce pedonali con paletta Playmobile é la stessa che sta qui sotto da me?
    Sabrina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La seconda lezione la sto testando proprio ora ! :)
      Grazie Sabrina sei davvero carina.
      Volontari con la paletta sono come la gramigna...sono ovunque e si moltiplicano ! :D

      Elimina
  2. Bentornata!
    Andrew (sempre à Paris)

    RispondiElimina
  3. scrivi ancora ti prego!!!!!!
    Sabrina

    RispondiElimina
  4. Eheh...sei troppo carina Sabrina.
    Sto lavorando per voi ( a far innervosire i Parigini ? ;) )

    RispondiElimina
  5. complimenti per il blog!
    anch'io ho ftato un post su Parigi!
    se ti va dacci un'occhiata e lascia un commento
    http://www.fiocchifiocchi.com/?p=1020
    <3

    RispondiElimina