sabato 16 ottobre 2010

Lavare i golfini in Francia...no eh?

Il prodotto fantasma
Un ennesimo mistero.
...Va bene che a Parigi non si fa il cambio armadi. Quello che si mettono in estate é all' incirca quello che si mettono in inverno. Ho visto collant da 150 denari, nero opaco, indossati ai primi di settembre con 25 gradi. Cosi come ho visto gonnelline leggere senza calze e ballerine, indossate qualche giorno fa mentre io mi sognavo solo un piumone d'oca e i moon boot.
...Va bene che forse i golfini in cachemire qui non sono cosi comuni o meglio sono un bene di lusso che non vedo né frequentemente venduti né frequentemente indossati.
...Va bene che forse lavare i golf prima di stirarli e piegarli con cura e riporli nei sacchetti trasparenti con chiusura ermetica, per preservare le fibre da polvere e tarme, non é proprio negli usi e costumi della popolazione autoctona, che - senza offesa - ha una diversa attenzione all'eleganza, alla cura della persone e dell'abbigliamento.


...Va bene che forse é troppo presto per lavare i golf di lana, visto che li si é indossati solo da circa 2 settimane (ci penseranno a fine gennaio per il primo lavaggio...?!)

va bene tutto ma

io non riesco a trovare un prodotto liquido per il lavaggio della lana e dei capi delicati!
Non c'é. Non lo trovo. Ci ho passato 20 minuti oggi, al Carrefour. E niente.
C'é il sapone per lavatrice classico, in polvere.
Quello per i capi neri.
C'é il sapone liquido in ogni profumazione possibile, dalla lavanda provenzale, al marsiglia, al mughetto della nonna Pauline, alle noci del Madagascar e latte di palma (giuro!), ai fiori tropicali e magnolia (rigiuro!), al bergamotto, agli agrumi, all'essenza della freschezza alpina (?).
C'è il sapone liquido, solido, in scagliette, in tavolette, in bustine, in gel, antiallergenico, in perle, in capsule, in berligot (dei salsicciotti di plastica).
C'é l'ammorbidente alle pere e mughetto (in caso di ospiti improvvisi, si puo' offrire anche come pratico dessert), quello al gusto sole (per chi abitasse nei quartieri nord), al fiore di tiaré e baie selvagge (nel caso il vostro budget non permettesse una scappata ai tropici, ogni tanto), quello alla "voglia divina" (al momento mi sfugge il profumo, ma alla prossima sortita al super ve lo recensisco olfattivamente), quello alla carezza fiorita (in caso il fidanzato vi abbia mollato).
C'é il bene divino di saponi.
Ma un classico, banale, normale, noioso sapone liquido per lana e capi delicati io non l'ho trovato.

Ho chiesto alla commessa Carrefour (detta anche "iena" per il suo savoir faire e la sua innegabile cortesia nel fornire indicazioni ed informazioni) e mi ha indicato violentemente col dito il reparto lessive, grugnendo un delicato "c'est là no?!". Le avrei lavato la bocca con il prodotto al tiaré, ma ero molto concentrata sul mio obbiettivo del giorno.

Alla fine, stremata, sono uscita senza prodotto e mi sono recata da Chopar...scusate volevo dire da Monoprix.
Li' ho trovato un flacone che fa al caso mio. Meraviglioso!
Peccato che costi solo il 443%  più del mio prodotto abituale a Milano.

Invece che di cashemire, mi vestiro' direttamente di sapone liquido.

Related Stories Widget by LinkWithin

10 commenti:

  1. contenta del tuo nuovo esperimento!
    yeppa!
    cercherò di essere presente almeno qui... devo dire che il mio abituale sense of iumor latita ultimamente ma mi c sto impegnando GIURO!
    un bacio
    marghe

    RispondiElimina
  2. No Marghe: tu e il senso dell'umorismo siete una cosa sola per cui poche storie, ridagli una spolverata e via! Alcune volte sembra che trovare qualcosa di ironico nei casini quotidiani sia una task force impossibile. Ma se respiri a fondo poi ti accorgi che sei CIRCONDATA da situazioni assurde e - alla fine - ridicole. Basta trovare quel piccolo fil rouge e oppp...
    A prestissimo e baci

    RispondiElimina
  3. Ahem...quale allure esattamente? ;)

    RispondiElimina
  4. Come dicevo...ormai il mito di Parigi città dell'eleganza, è defunta! a proposito sono a Parigi dal 20 al 25 novembre.

    RispondiElimina
  5. Yeah! Queste sono belle notizie. Per quelle date al momento la mia grassa agenda dice libero (uah uah uah). Magnifico, organizziamo.

    RispondiElimina
  6. prova con lo shampoo, una amica di mia mamma lo consigliava cosi il lavaggio del cachemere

    RispondiElimina
  7. Niente balsamo pero', vero?! ;)

    RispondiElimina
  8. Guarda lasciamo stare quando ho cercato di trovare una cera per pavimenti.
    CERA PER PAVIMENTI e non per parquet.
    Impossibile.

    Comunque anch'io ho avuto lo stesso problema e l'ho risolto come te, da Monoprix... ma almeno ora i miei golfini sono belli puliti e profumati e pronti all'uso!
    (PS: il cambio degli armadi non si fa perchè qua nei 18 mq di casa che ci si ritrova, ti sfido ad avere più di un armadio!)
    ciao!
    Ire

    RispondiElimina
  9. Cara Irene, mi sento meno sola! :)
    Oggi poi a Bruxelles ho visto che il prodottino (1 litro!) per lavare i golfini costa ben 11.53 euro, peggio che a Parigi. Consoliamoci :)
    Cera per pavimenti ancora non ho dovuto cercarla ma solo perchè era nella mia "dote" dal trasloco italiano. E quando finirà?! Faro' un po' di contrabbando da Milano.
    Infine, cambio armadi significa: spostare un po' le cose da un ripiano all'altro, per FAR FINTA che si è fatto il cambio armadi come eravamo use in Italia.

    RispondiElimina